12 Apr 2016

Trivelle, scuola e referendum..o referenda?

Filed under Argomenti vari,Società

Salve a tutte e tutti, credo che la mia pagina in questo mondo virtuale non sia che una minuscola goccia in evaporazione…esistono blogs ben strutturati, continuamente aggiornati, con tanto appeal e magari imperdibili immagini o ricette.
Questo invece è mio, basta. E’ come un diario in cui scrivo tutto ciò che ritengo importante condividere, ed ora più che mai, vicino al 17 aprile 2016, ne sento il bisogno.

Infatti ci siamo quasi, i giochi son fatti: chi era informato o convinto del proprio pensiero andrà a votare come stabilito da settimane, chi era indeciso si è forse schiarito le idee, chi ha troppo da fare, o è troppo disilluso, o persino egoista per rivolgersi all’unico strumento veramente democratico, non contribuirà al raggiungimento del quorum per questo referendum, volutamente separato dal governo dalle altre elezioni amministrative.

Ma noi dei comitati No trivelle sparsi nella nazione ci siamo impegnati: abbiamo tolto tempo a svago e relax primo per informarci e capire cosa significhi questo referendum, poi per informare gli altri, organizzando assemblee, manifestazioni, volantini ecc.

Il quesito è come sempre abbastanza ostico:

<Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?>

Chi legge “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale” penserà: se rispettano la sicurezza e l’ambiente, non vedo alcun problema; e sorvolerà invece sulla parte più importante “per la durata di vita utile del giacimento“. Cioè…dovremmo regalare a delle società private multinazionali, che niente di buon apportano allo stato italiano, intere aree di territorio pubblico in cui io cittadino italiano non posso nemmeno pescare due pesci per cena senza la dovuta autorizzazione????!!!! E chi mi garantisce che queste società, perdurando nei decenni o nei secoli in quegli specchi di mare, bonificheranno il posto lasciandolo libero per le future generazioni?

Non analizzarò qui i vari motivi che mi spingono a votare  e soprattutto a votare Sì: per quello posso segnalarvi decine di siti.

Ma basti una domanda: un governo che invita a boicottare il referendum, che si scopre impregnato di conflitti di interessi (vedi il caso Guidi), che non accorpa il referendum alle elezioni amministrative di giugno, incolpando i poveri volontari referendari di questo sperpero di denaro in più…questo governo, è meritevole di credibilità?

No, per niente, e aggiungo il pleonastico assolutamente. Vado a votare anche perchè mi dicono di non farlo, perchè hanno taciuto informazioni fondamentali e perchè hanno evidenti interessi personali che con lo stato, e con me onesta cittadina italiana, non hanno nulla a che fare.

Che c’entra la scuola del titolo…

La scuola, sede dell’istruzione e dell’educazione delle future generazioni, sarà forse anch’essa, tra mesi,  sottoposta a referendum: perchè questo stesso governo ha osato proporre una riforma chiamata della buona scuola che non solo non la migliora, ma la degrada, come ne degrada i suoi lavoratori. E anche qui a subirne le nefaste conseguenze saranno le future generazioni. Future generazioni private di sapere e private di uno sviluppo sostenibile.

Dobbiamo andare a votare il 17 aprile, andiamo nei comuni e nei banchetti per firmare contro la buona scuola, partecipiamo con mezz’ora della nostra vita portando un documento e dicendo cosa vogliamo noi, senza deleghe.

Per l’ambiente, per noi, per i nostri figli!

Un grazie a chiunque legga, milioni di grazie a chiunque voterà pensando a una società migliore.

Qui di seguito vi segnalo alcuni links utili:

http://www.notriv.com/

http://www.wwf.it/unmaredisi.cfm

http://www.internazionale.it/notizie/2016/02/24/referedum-trivelle

 

Commenti disabilitati

13 Mar 2015

Bosa e dintorni

Filed under Argomenti vari,Viaggi

Oggi vi vorrei parlare del mio ultimo viaggio, quello che mi ha portato a vivere in un posto che conoscevo superficialmente, da turista, e che apprezzo ogni giorno di più.

Un viaggio di soli 70 km o poco più da casa mia, e che i primi mesi ripetevo ogni giorno. O forse è il viaggio più lungo fatto finora, un viaggio durato tutta una vita, fatta di esperienze e viaggi ch emi hanno portato a scegliere una professione (perecaria sì) che per ora svolgo qui.

Cosa si può volere di più se non il mare a 10 minuti di corsa, con splendide spiagge e imponenti scogliere, cosa si può desiderare oltre ad una passeggiata in paesi caratteristici e dai panorami mozzafiato, cosa c’è di meglio per me, nata qui, del clima mediterraneo, coi suoi colori e profumi che in primavera risvegliano tutti i sensi…cosa cercare, se non i colori di Bosa, al mattino o alla sera, raddoppiati dal fiume Temo o rubati da un arcobaleno che si leva doppio verso il cielo, da quel borgo antico ai piedi del castello dei Malaspina?

La mia esperienza finirà a giugno, poi chissà…intanto mi godo tutto, mi godo le nuove conoscenze, le nuove esperienze, di lavoro e di vita…mi godo l’opportunità di poter volare in spiaggia per una passeggiata o praticare Tai chi col vento che rende le onde spumeggianti, o col lieve sciabordio dell’acqua sulla riva mentre la brezza marina calma il mio spirito inquieto.

E’ veramente una grande fortuna trovarmi qui, ora, e se mai avrete la fortuna di un viaggio in Sardegna, sulla costa occidentale, ricordatevi di questo piccolo borgo…

Ora però..a lavorare!

Commenti disabilitati

14 Feb 2015

La scuola

Filed under Argomenti vari

No,non voglio parlare della scuola,non voglionlamentarmi della sua disfatta né parlare di scuola di vita. Voglio solo condividere una perla di oggi.
Ah,quasi dimenticavo:sono un ‘insegnante:mate e scienze alle medie. Da quest’anno.Precaria.Ovviamente.

Stamane documentari su scheletro e tessuto osseo: pare che l’ing Eiffel si sia ispirato alla struttura delle ossa per progettare la nota tour,fatta in ferro ma leggera rispetto a una torre simile ma piena…
Domanda:«prof,ma allora la torre Eiffel è fatta di ossa?»
Si è persa un minuto del documentario…

Tranquilli tutti,non diventerà un blog di un’insegnante,ma questa volevo lasciarla scritta.
Continuo a viaggiare e conto di tornare qui presto.

Saluti a chi mi segue o mi trova!

Commenti disabilitati

13 Lug 2014

Il pesciolino

Filed under Argomenti vari

Scusa, disse un pesce dell’oceano a un altro, tu sei più vecchio e più esperto di me e probabilmente potrai aiutarmi. Dimmi, dove posso trovare quella cosa che chiamano oceano?l’ho cercato dappertutto inutilmente.

L’oceano, disse il pesce più vecchio, è quello in cui stai nuotando adesso.

oh questo?ma questa è solo acqua!quelo che sto cercando è l’oceano. Disse il giovane pesce, e deluso nuotò via per cercare altrove.
Pesciolino, smetti di cercare.Non c’è niente da cercare. Stai zitto, apri gli occhi e GUARDA. Non può sfuggirti.
A. De Mello, Il canto degli uccelli

 

1 commento

27 Mag 2014

Io vorrei…

Filed under Musica,Viaggi

La colonna sonora di questo periodo

Dove vai quando poi resti sola
il ricordo come sai non consola
Quando lei se ne andò per esempio
Trasformai la mia casa in tempio
E da allora solo oggi non farnetico più
a guarirmi chi fu
ho paura a dirti che sei tu
Ora noi siamo già più vicini
Io vorrei non vorrei ma se vuoi
Come può uno scoglio
arginare il mare
anche se non voglio
torno già a volare
Le distese azzurre
e le verdi terre
Le discese ardite
e le risalite
su nel cielo aperto
e poi giù il deserto
e poi ancora in alto
con un grande salto
Dove vai quando poi resti sola
senza ali tu lo sai non si vola
Io quel dì mi trovai per esempio
quasi sperso in quel letto così ampio
Stalattiti sul soffitto i miei giorni con lei
io la morte abbracciai
ho paura a dirti che per te
mi svegliai
Oramai fra di noi solo un passo
Io vorrei non vorrei ma se vuoi
Come può uno scoglio
arginare il mare
anche se non voglio
torno già a volare
Le distese azzurre
e le verdi terre
le discese ardite
e le risalite
su nel cielo aperto
e poi giù il deserto
e poi ancora in alto
con un grande salto

https://www.youtube.com/watch?v=m6q4zNstlQM

Commenti disabilitati

28 Nov 2013

Natale e ambiente

Filed under Argomenti vari,Feste

 

 

Sarà la crisi, sarà che l’ambiente è in condizioni preoccupanti, sarà che son sempre stata un’ambientalista, ma se

quest’anno volete fare dei regali di Natale, spero siano utili anche per loro, piante animali e tutto ciò che ci dà la vita.

 

Buon tutto

 

 

Commenti disabilitati

19 Giu 2012

Stessa spiaggia stesso mare

Filed under Argomenti vari

è passato ben un anno dall’ultima mia presenza qui…non che non sia accaduto nulla degno di condivisione,anzi!ma forse la mia permanenza in Sardegna mi ha bloccato dallo scrivere….ebbene ormai son quasi 2 anni e mezzo nell’isola, ma soprattutto è la second aestate che passo nell’isola de La Maddalena! lavoro come naturalista quale sono, spiego ai turisti qualcosa sulla splendida natura dell’arcipelago,non senza una buona dose di critiche su disastri ambientali…e poi passeggio,faccio snorkeling e vado in canoa..e mangio. Tanto. pian piano mi impegnerò ad aggiungere foto…per ora eccovi il CEA (centro di educazione ambientale) di Caprera.

Commenti disabilitati

20 Giu 2011

SI SI SI SI!!!!!

Filed under Argomenti vari

Ecco….l’ho salvato in bozza e non l’ho pubblicato. così eccovi un articolo vecchio di una settimana..ma prima,foto di una bavosa pavone (fatta da me of course) che curiosa e spiritosa si appiccicava all’obiettivo! Il lavoro da naturalista in un villaggio turistivco va benissimo per ora, tanto da imparare da dare e da fare.

bavosa pavone

Abbiamo vintoooo!quasi non ci credevo, che gli italiani avessero finalmente deciso di decidere LORO! Basta buffoni che legiferano per noi, il referendum esiste e funziona.

Ma soprattutto son felice di aver potuto partecipare, di essere uno di quei 26.857.452 che non si è astenuto,grazie anche ai miei datori di lavoro che mi han mandato più che volentieri a casa per un giorno:eh si,5 ore di andata e 5 di ritorno tra traghetti treni e autobus son valsi la pena .

Anzi, anche auto!

Domenica mattina parto alle 7 da qui,dopo aver studiato tutti i collegamenti che mi avrebbero avvicinato a casa: tratta: maddalena-palau-olbia-or con cambio a chilivani. la Maddalena è ben collegata, il problema son i mezzi a terra,con coincidenze inesistenti e da inventarsi! specialmente la domenica: arrivo a Palau addormentata, chiedendo un biglietto per…Palau!!!(stavo già pensando al ritorno da Olbia), per scoprire che l’autobus delle 7:55 non viaggia la domenica!oddio…sveglia d’improvviso,mille pensieri si affacciano…parto dopo,e arrivo a casa di sera?torno al villaggio senza votare?chiedo passaggio alle prossime auto in arrivo dall’isola?colazione per ristorarsi e vedo un bus fermo proprio all’ora stabilita,purtroppo non è un miracolo..va a S Teresa, ma l’autista supergentile mi offre passaggio fino all’uscita del paese,incrcocio per Olbia: al massimo trovo passaggio là!e va bene, lanciamoci in quest’avventura,non sia mai alle 8 del mattino qualcuno vada verso Olbia anziché le spiagge del nord…Non passa nessuno,poi improvisa una colonna di auto!alcune fanno per fermarsi ma nada…son sicura che le donne al fianco dei guidatori li abbiano dissuasi,nessuna donna mi ha mai preso.non che abbia una lunga carriera di autostoppista,ma mai,le donne non si fermano nemmeno con 2 uomini forzuti a fianco.

Dopo poco però una jeep frena e iltipo mi offre passaggio all’incrocio con porto rotondo,deve lavorare lì.

E così la giornata si è rischiarita,già pensavo a un eventuale autostop fino a Oristano….ma col reggae e le chiacchiere su messico referendum costa rica vita di campagna ci accompagnano fino ad Olbia,dove il mio salvatore mi accompagna!super in orario,per prendere un treno in ritardo di mezzora.

Ma bene,arrivata, ho messo subito le mie crocette,pranzato recuperato 2 libri e tornata,stavolta coi mezzi pubblici.

Qui oggi ci siam gustati la lettura del giornale,e soprattutto la prima giornata senza tanto vento dopo una settimana di maestrale. Giochi coi bimbi,canoa e snorkeling alla scoperta delle coste maddalenine.

Eh si,lavoro in un villaggio come naturalista, e per ora è più una vacanza!

Metto qualche foto

Salutoni e buona estate a tuttiiiiii

Commenti disabilitati

02 Giu 2011

The power of procrastination

Filed under Argomenti vari

Paule MundungiaHo notato che gli ultimi posts son stati ispirati alle vicende politiche…che tristezza!!!con tutte le bellezze della vita,e soprattutto della Sardegna, dove sto ormai da più di un anno, mi lascio influenzare da certi personaggi!

E presto ci saranno pure i referendum! Mi raccomando: SI SI SI SI! Io non so nemmeno se potrò votare, dato che domani parto per il nord….nord Sardegna però ;-) lavoro estivo, in mezzo alla natura e lontana da internet.

In questi mesi mi son riempita di paesaggi sardi: da nord a sud, dalla costa all’interno, dalla superficie al sottosuolo, ho imparato tanto, e ancora lo faccio: flora, fauna…la vita vera offre tanto, sta a noi saperlo riconoscere. Spero di continuare a così durante i prossimi 3 mesi. La Pelosa

Intanto, visto il turismo e le connessioni col resto del mondo che mi hanno assorbito quasi totalmente, mi ritrovo con una montagna di faccende da terminare oggi! causa procrastination, cioè il continuo rinviare a domani ciò che puoi fare oggi, l’adrenalina è a mille e mi attivo più che mai. Compreso aggiornamento blog e aggiunta foto. A marolla però, non vorrei che lo chiudessero dall’alto :-P .

Tanti saluti a tutti e buona estate, ovunque voi siate e qualunque cosa facciate.

S.

Tharros

Commenti disabilitati

27 Nov 2010

Black sheep

Filed under Argomenti vari

Non solo film horror

Non solo film horror

Mattina strana questa di fine novembre.
E’ praticamente inverno, un freddo che non ricordo di aver mai sentito qui in Sardegna in questo periodo dell’anno. Ma ciò che la rende ancora più strana è una pecora. Esatto: nel cortile di casa ci siamo ritrovati una pecorella smarrita, bianca però, con un orecchio solo. Sta lì nella casettina di attrezzi e scatole varie che aspetta. Quando è entrata?o meglio, chi l’ha messa? Visto lo stato in cui è abbiam pensato stesse scappando da un branco di cani…ma come è potuta entrare? e poi, possibile che avessimo tutti un sonno di piombo ieri notte?
Speriamo di svelare questo mistero
mah….ciò che intanto mi consola è il ritono di Giallone, uno dei gatti. Avevo persino pensato qualcuno ci avesse lasciato la pecora in cambio del bellissimo felino color crema a pelo lungo e occhi gialli!
Intanto un’aggiunta al post precedente…vecchio si,ma attuale come non mai!!!Visto che anche martedì scorso il premier (arrori,  scrivo questa parola forzando le dita sulla tastiera) ha ancora una volta usufruito dell’offerta telefonica a Ballarò!
Ansiosa di leggere Il Misfatto di domani!
Buon fine settimana a tutti!

2 commenti

Articoli precedenti »